Portami a viaggiare
Storie di viaggi in cerca d'autore
Block
Perù

L’Inti Raymi in Perù: la festa del Dio Sole

SEGUIMI
Block
New York

Guida agli osservatori panoramici

SEGUIMI
ponti degli usa
Stati Uniti

I ponti più belli degli Stati Uniti

SEGUIMI
Block
Canada

5 luoghi unici dove avvistare l'aurora boreale

SEGUIMI
Block
New York

Non solo Manhattan: cosa vedere negli altri distretti della Grande Mela

SEGUIMI
Block
Upstate New York

Hudson Valley: un'oasi di pace a meno di un'ora da Manhattan

SEGUIMI
Block
Canada

I 4 luoghi migliori dove osservare le balene

SEGUIMI
Block
Stati Uniti

Dal Washington State alla California con i classici della letteratura americana

SEGUIMI
Block
Stati Uniti

Stargazing: a caccia dei cieli più stellati d'America

SEGUIMI
Block
Canada

Itinerario in treno dell'est Canadese

SEGUIMI
Block
Viaggi autunnali

Le destinazioni suggerite negli Stati Uniti

SEGUIMI
Block
Outer Banks

Viaggio nel paradiso selvaggio del North Carolina

SEGUIMI
Block
Stati Uniti

I parchi nazionali più sottovalutati

SEGUIMI

Parchi sottovalutati degli Stati Uniti (prima parte)

badlands, parchi poco noti degli stati uniti

Sono 63 i parchi nazionali degli Stati Uniti e ben più di 6.000 i parchi statali, le riserve, i monumenti, ma tra di essi sono ancora tanti quelli notevolmente sottovalutati. L’esigenza di avere degli organi istituzionali a protezione di queste aeree, negli Stati Uniti nasce sul finire dell’800. E’ qui, infatti, che nel 1872 nasce il primo parco nazionale al mondo, lo Yellowstone National Park, nel cuore del Great American West. Pochi anni dopo, nello Stato di Nyc, nascono le riserve a tutela delle Adirondack Mountains, delle Catskills e il Niagara State Park. Il “contagio” è veloce: ognuno degli Stati Federali istituisce propri parchi o riserve nazionali, inclusi i territori al di là della terraferma, come Puertorico e le isole Samoa.

Un sistema complessissimo che offre ai visitatori infinite opportunità di praticare attività all’aria aperta e conoscere, allo stesso tempo, luoghi di grandissima rilevanza storia.

yellowstone national park
Grand Prismatic Spring Yellowstone National Park,

Eppure, la maggior parte dei visitatori tende a gravitare intorno ai parchi più iconici e conosciuti. I nomi sono noti: Yosemite, Grand Canyon, Zion o lo stesso Yellowstone occupano i primi posti nella classifica dei parchi più visitati degli Stati Uniti.

Ma, accanto a questi, ve ne sono alcuni molto sottovalutati, semplicemente perchè poco conosciuti, oppure lontani dalle rotte più turistiche, o ancora oscurati dalla vicinanza di parchi ben più noti.

Qui ne elenco solo alcuni, ma la lista potrebbe essere davvero infinita. Perchè non prenderli in considerazione per il prossimo viaggio e regalarsi un’esperienza al di fuori delle rotte più classiche e sovraffollate?

Lassen Volcanic National Park, California

In uno degli Stati più iconici e nel cui territorio si trovano alcuni dei parchi più visitati del Paese, ce n’è uno che passa clamorosamente inosservato. E’ una California ancora inesplorata quella che da San Francisco si estende a nord. Nel cuore di questa regione settentrionale, a sole 3 ore dalla capitale Sacramento, si trova il Lassen Volcanic National Park. Un parco che ha molto in comune con un “rivale” ben più blasonato, lo Yellowstone National Park. Sorgenti termali, fumarole, fanghi bollenti e un vulcano attivo annunciano al visitatore che qui si troverà difronte un’area dove l’attività geologica è viva più che mai. Il Lassen Peak domina il parco dall’alto dei suoi 3.200 m circa: la sua ultima eruzione risale al 1914 ed è durata per ben 3 anni. Lo si può ammirare dal Lago Helen oppure tentare la scalata alla sua vetta.

Il Bumpass Hell è l’area del parco con la più elevata concentrazione di fenomeni geotermali. Una serie di passerelle disegnano un percorso attraverso le fumarole, le sorgenti e i fanghi ribollenti nella zona in cui lo sfortunato Kendall Vanhook Bumpass si avventurò per primo cadendo in una bolla d’acqua rovente.

Il Lago Manzanita è uno dei punti più fotografati del parco: nelle sue acque il Lassen Peak disegna affascinanti giochi di riflessi. Fermatevi qui per fare kayak, nuotare o farvi accompagnare dai ranger alla scoperta di queste meraviglie.

lassen volcanic, parchi poco noti degli stati uniti

Il Lassen Volcanic National Park è una tappa per veri “outsiders”, per chi ha voglia di scoprire una California lontana dalle spiagge della costa dorata e delle metropoli scintillanti. Una California insolita, inaspettata e primordiale.

Theodore Roosevelt National Park, North Dakota

Dalla California ci spostiamo nel Great American West, e precisamente in North Dakota. Siamo in quelle terre intrise di storie e leggende, dove le strade raccontano le grandi epopee di esploratori che cercavano il “mitico” Passaggio a Nordovest.

badlands parchi poco noti degli stati uniti
Badlands

Chi si immagina solo immense e piatte praterie, qui può restare enormemente sorpreso. Una terra aspra, ostile, non a caso siamo in quelle che chiamano Badlands. Un territorio che i nativi hanno imparato a rispettare e amare, ricambiati. Siamo nel regno del bisonte, l’animale sacro proprio ai nativi e non vi è posto migliore in North Dakota dove osservare questo maestoso mammifero del Theodore Roosevelt National Park. Tra i parchi più noti degli Stati Uniti questo è uno dei grandi assenti. Arrivando da Rapid City, in South Dakota, lo spettacolo a cui si assiste è unico. Dal nulla improvvisamente spuntano maestosi canyon che fiancheggiano la strada. Gli animali più iconici degli Stati Uniti qui vivono allo stato brado e la Scenic Loop Drive, nel versante meridionale del parco, è il percorso migliore da intraprendere per avvistare bisonti, cervi, castori e cavalli selvaggi.

La North Unit del parco è meno visitata rispetto a quella sud ma non per questo meno affascinante. La North Unit Scenic Byway, in un percorso di circa 20 km, regala scorci mozzafiato sulle ripide pareti dei canyon delle Badlands. I punti panoramici posti lungo la strada sembrano messi appositamente per allungare i tempi di percorrenza di questi pochi km. Gli amanti di trekking e hiking qui possono sbizzarrirsi tra i numerosi e impegnativi sentieri a disposizione. La vista sui canyon e il Little Missouri River e gli incontri con i cani delle praterie vi ripagherà di tutta la fatica.

Non può mancare un assaggio di storia nell’unico trai parchi degli Stati Uniti intitolato a un presidente: “Teddy” qui fece spesso ritorno, incantato da queste terre aspre e selvagge e vi fece costruire il suo ranch. La Elkhorn Ranch Unit è rimasta così com’era, intatta da quel 1884: niente strade asfaltate, nessun visitor center e anche se del ranch non restano che le fondamenta la magia del luogo pervade tutta l’area.

Il North Dakota è uno di quegli Stati che passano in secondo piano rispetto a nomi più altisonanti, ma per chi vuole scoprire la “Real America“…this is the place!

White Sands National Park, New Mexico

Uno Stato di frontiera e non solo in termini geografici. Il New Mexico condivide con il Messico molto più che un confine territoriale. Le tracce del passato che riecheggia sono evidenti nei nomi delle città, nella loro architettura o nel cibo. Le missioni spagnole qui hanno lasciato un’eredità indelebile, che rende il New Mexico uno Stato unico all’interno dell’immenso territorio statunitense. E in questo microcosmo così particolare troviamo uno dei parchi più surreali di tutta la nazione.

white sands national park, parchi poco noti degli stati uniti

Il White Sands National park rientra suo malgrado nella lista dei parchi poco noti degli Stati Uniti. Probabilmente la motivazione è dovuta in gran parte alla sua posizione. A circa 3 ore e mezza a sud di Albuquerque, il parco è circondato da basi militari e aree missilistiche. Insomma, non un gran biglietto di benvenuto…

Il paesaggio è a dir poco stupefacente: distese immense di dune bianchissime quasi accecano la vista per il loro colore diafano. Questo paesaggio lunare si trova nel bel mezzo del Tularosa Basin, un enorme bacino in cui l’acqua piovana si raccoglie senza trovare vie di fuga. I depositi di gesso che ne derivano col tempo si cristallizzano e sono continuamente modellati dall’azione del vento, che genera queste spettacolari e mutevoli dune.

La Dunes Drive si snoda per circa 15 km tra le dune regalando scorci davvero suggestivi. In alcuni tratti del percorso è possibile lasciare l’auto nelle apposite aree di sosta per intraprendere uno dei numerosi sentieri del parco, con vari livelli di difficoltà. Quello più accessibile è senza dubbio l’Interdune Boardwalk, che permette di ammirare le dune passeggiando su una comoda passerella in legno. Non mancano delle singolari aree pic nic, dove concedersi una pausa dal cammino al riparo dal sole. Per chi vuole concedersi anche un momento di divertimento, è possibile noleggiare all’ingresso del parco dei rudimentali slittini per scivolare lungo le dune.

L’esperienza già di per sè surreale può essere resa ancora più memorabile se si decide di passare la notte in tenda all’interno del parco (al momento in cui scrivo l’area campeggio è chiusa fino a nuovo avviso). La posizione lontana da grandi centri abitati, rende il White Sands National Park un luogo perfetto per praticare stargazing (se vuoi sapere cos’è lo stargazing e i luoghi migliori dove praticarlo leggi il mio articolo Stargazing: a caccia dei cieli più stellati d’America).

Dry Tortugas National Park, Florida

dry tortuga national park, parchi poco noti degli stati uniti
Fort Jefferson, Dry Tortuga National Park

La Florida è sicuramente in cima alla lista dei desideri di chi organizza un viaggio negli Stati Uniti. I parchi divertimento di Orlando e le spiagge della costa orientale ogni anno attirano migliaia di visitatori. Eppure il Sunshine State ha molto di più da offrire, e se molti viaggiatori incuriositi si spingono verso l’Everglades National Park o la riserva di Crystal River, sono ancora pochissimi quelli che si avventurano oltre la lingua di terra delle isole Keys.

Poco male, in realtà. Perchè se state cercando un paradiso tropicale poco frequentato il Dry Tortuga National Park è la tappa ideale da aggiungere al vostro viaggio in Florida.

Questa affascinante area naturalistica e storica rientra a “pieno titolo” tra i parchi poco noti degli Stati Uniti principalmente per la sua posizione. A circa 113 km a ovest di Key West, questo parco è un vero santuario della biodiversità. E’ raggiungibile solo via mare o in idrovolante ed è proprio grazie a questo isolamento che la sua bellezza è rimasta in gran parte inalterata.

dry tortuga national park, parchi poco noti degli stati uniti
The Loggerhead Key Lighthouse

Sono 7 le isole che compongono il parco, ma l’attrazione principale si trova su Garden Key: Fort Jefferson è la più grande struttura in mattoni degli Stati Uniti. Costruita a metà dell’800 come base per proteggere la costa meridionale degli Stati Uniti, servì poi da prigione durante la guerra civile americana. Qui scontarono la loro pena anche i cospiratori dell’omicidio di Abraham Lincoln.

Le acque che circondano il forte sono di una bellezza impressionante: dalle piccole spiagge poste intorno a Fort Jefferson potete avventurarvi in un mare cristallino e ammirare la grande varietà di coralli e coloratissimi pesci tropicali. Oppure, se preferite, potete semplicemente godervi l’atmosfera rilassata di queste spiagge ancora incontaminate. Oltre alle meraviglie marine, il Dry Tortuga National Park dà rifugio a centinaia di specie di uccelli migratori che da qui transitano durante il loro viaggio verso il Sud America o altre aree degli Stati Uniti.

E’ difficile rendere a parole la bellezza di questo luogo. Ma se avete in programma un viaggio nelle isole Keys, ritagliatevi almeno un giorno per visitare questo parco. Vi assicuro che ne varrà la pena!

Continua…

La lista dei parchi poco conosciuti degli Stati Uniti potrebbe davvero continuare all’infinito. E per parchi intendo non solo quelli che gravitano sotto la giurisdizione del National Park Service. Come indicato all’inizio di questo articolo, le aree preservate a livello nazionale sono migliaia. Qui ho indicato solo alcuni dei parchi degli Stati Uniti da inserire in un itinerario di viaggio che sia allo stesso tempo inconsueto ma anche accessibile. Nel prossimo articolo vi darò qualche altro suggerimento che vi permetta di spaziare da una costa all’altra degli Stati Uniti. Perciò…stay tuned!

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo sui tuoi canali

Lascia un commento